Feed RSS

I bordi trapuntati: tutorial

Inserito il

Sempre per la torta della prima comunione ho provato a fare i bordi “trapuntati”. La tecnica per farli l’ho vista sia in rete che su delle riviste ma è la prima volta che ci provo… il risultato non è male.

La prima parte (noiosa) è come al solito la copertura con la nutella… ma credo che presto mi convertirò alla copertura con ganache al cioccolato: più facile da stendere, meno pasticciata e comunque buona. L’unico problema è che siccome si fa con la panna, non sempre ce l’ho pronta da usare in casa mentre il barattolo di nutella sta lì che aspetta solo di essere usato…maledetto!

Secondo passaggio (meno noioso, specie se piccolo Attila sta li ad “aiutarti”) la copertura in pasta di zucchero:

Siamo pronti per fare la nostra trapuntatura… ma prima un po’ di matematica! Ih ih ih…

Scherzo. Insomma. Va beh…😛

Per essere sicuri che la trapuntatura venga regolare ed esteticamente piacevole, sarebbero necessari un po’ calcoli su cerchi e circonferenze ma c’è una scappatoia (paura eh?).

Prendiamo la carta da forno e con il righello misuriamo un striscia alta 5 cm e lunga quanto la circonferenza della torta. Per sapere quanto è lunga la circonferenza c’è un modo empirico: prendere il foglio di carta da forno e avvolgerlo intorno alla torta, fare un segno e tagliare! C’è anche un modo teorico per quelli di voi che sono dei “nerd” come me🙂. Sapendo il diametro della teglia usata (o misurando quello della torta fatta) moltiplicare per 3,14… ora che ci penso sarebbe un bel problema da dare all’inizio dell’anno a una terza media…. mumble, mumble.

Il mio righello è alto proprio precisamente 5 cm e va che è una meraviglia!

Pronti con il nostro rotolino: pieghiamolo a metà, poi ancora a metà e ancora una volta… fino a quando non otteniamo un rettangolino di 3-4 cm di larghezza (poi questo dipende da quanto volete fare la trapuntatura larga).

A me sono bastate tre ripiegature. Ok…la foto è sfocata, ero presa da quello che stavo facendo e non me ne sono accorta. Ok, lo ammetto: sono pigra e non ho voglia di rifare la foto del rotolino (anche perché credo che piccolo Gengis Khan l’abbia preso e messo chissà dove!). Si capisce lo stesso no?

Adesso che abbiamo il rotolino con delle piegature a intervalli regolari, basta fissarlo sulla torta, facendolo aderire bene e usando uno stuzzicadenti tagliato a metà per bloccarlo.

Questo è l’unico punto che dovendo rifare da capo, cambierei! I due stuzzicadenti lasciano dei buchi piuttosto grandi sulla torta e sono bruttissimi da vedere…. uff. La prossima volta: spilli ben lavati e disinfettati.

Con lo strumento punteruolo sul lato inferiore della striscia di carta da forno bisogna segnare la torta in corrispondenza delle piegature. Si può usare qualsiasi cosa puntita naturalmente al posto del punteruolo.

(questa foto l’ha fatta il mio amore, visto che io non ho tre mani… :-))

Si sposta la striscia di carta più in alto e si ripete la stessa operazione anche sul bordo superiore. Bisogna fare attenzione che le piegature rimangano in corrispondenza dei buchini fatti in basso.

Adesso abbiamo delle guide! Con il righello (pulito e lavato per bene) facciamo delle tracce diagonali che vanno da un buchino in basso a quello alla sua destra in alto.

(la foto l’ha fatta sempre il mio amore… li vedete i due buchi orribili degli stuzzichini???)

Se si vuole una trapuntatura con rombi più larghi si può fare la riga diagonale spostandosi di un altro buchino a destra.

La stessa cosa la si ripete ma fendo righe a sinistra.

Alla fine (se per miracolo i piccoli Attila e Gengis Khan non hanno messo dita dovunque sulla torta) il risultato è questo:

In basso ci vorrà qualche decorazione che nasconda il bordo della pasta di zucchero (io questa volta ho usato un nastro di raso bianco). Per finire la decorazione, con il retro del pennello (o altro strumento sottile) si indenta la pasta di zucchero ai vertici dei rombi e si bagna la piccola cavità con una goccina di acqua:

In queste cavità accomodiamo delle perline di zucchero: in questo caso io le ho usate argentate ma naturalmente qui il limite è solo la fantasia e il tema della torta che si sta facendo.

Ecco qua la torta dal bordo trapuntato!🙂

Informazioni su proffabbri

Sono la mamma di due bimbi spettacolari e l’insegnante di scuola media di un po’ di pesti deliziose. Mi diletto a pasticciare con le mani quando il tempo ed i miei amori me lo permettono.

Una risposta »

  1. Non ci ho capito niente, ma…
    1. mi piace il righello con la mucca
    2. tanto la torta la fai tu e io la mangio

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...