Feed RSS

Teglia con centro a cuore: tutorial

Inserito il

Come anticipato, questa volta faccio il tutorial di come si usa il mio ultimo acquisto: la teglia della Wilton con la cavità per farcire a forma di cuore.

********************************************************************************************

Intanto metto la ricetta della torta margherita che ho fatto questa volta per la festeggiata.

Ingredienti:

150 g farina “00”

120 g fecola di patate

1 bustina di lievito

4 uova

mezzo bicchiere di latte

150 g zucchero semolato

scorza di un limone

70 g burro

Procedimento:

Sbattere i tuorli con lo zucchero e quando ben amalgamati aggiungere il burro a temperatura ambiente (si può mettere anche sciolto ma poi deve essere fatto freddare e la sua temperatura non deve superare i 40°C).
In una ciotola unire la farina, la fecola, il lievito e la scorza del limone. Quando l’impasto è omogeneo aggiungere poco alla volta le farine e il latte. Nel mio caso, ho visto che l’impasto diventa molto denso all’aggiunta delle farine e le fruste tendono a incepparsi. Per questo motivo metto metà delle farine, poi metà del latte quindi il resto delle farine l’altra metà del latte rimasto.
A parte, montare le chiare a neve ben ferma con un pizzico di sale ed unirle all’impasto curando che non si smontino (mescolare a mano con una paletta di legno o silicone, dal basso verso l’alto con delicatezza).
Imburrare una teglia (di diametro 24 cm) e infarinarla. Versare il composto e cuocere a 180°C per 45/50 minuti.

Per la teglia della Wilton ci vogliono due di questi impasti.

********************************************************************************************

Tornando a noi: per prima cosa le due teglie vanno imburrate e infarinate. Gli americani consigliano l’uso dei grassi spray ma se si usa il metodo tradizionale (un pezzetto di burro morbido passato sulle pareti della teglia) funziona lo stesso: è solo un pochino più scomodo perché la teglia è sagomata.

Infarinate e imburrate le teglie si deve versare l’impasto al loro interno: si può fare la ricetta per una teglia di 20-24 cm di diametro moltiplicando le dosi per due e poi ripartendo l’impasto oppure, come faccio io, due impasti consecutivi che così le dosi sono già perfettamente divise a metà (adesso speriamo che Sabrina non legga troppo attentamente-se stai leggendo, salta questo pezzo!-: in realtà le due teglie non hanno lo stesso volume quindi l’impasto non andrebbe diviso esattamente a metà ma in quella di destra nella foto ce ne andrebbe messo un po’ meno… non sono riuscita ancora a fare i calcoli esatti in termini di massa e volume perché la dannata teglia è sagomata e non ha una forma geometrica semplice da calcolare, ma ci riuscirò!).

Ecco qui sopra l’impasto e la teglia ed ecco qui sotto le due teglie riempite:

Una volta cotti i due impasti usciranno dal forno in questo modo:

Come si vede le due teglie sono perfettamente antiaderenti e le torte non si attaccano per niente. E’ importante aspettare per una diecina di minuti o un quarto d’ora prima di spiattarle per dare modo al tutto di compattarsi come si deve.

A questo punto le tortiere vanno ribaltate e le torte spiattate. Eccole qui sopra in tutto il loro splendore: quella di sinistra ha la cavità che formerà la parte sotto del cuore e quella di destra ha la cavità che formerà la parte sopra del cuore.

Le torte hanno uno spessore piuttosto cospicuo (più di 5 cm) e quando vengono sovrapposte daranno una torta di ragguardevoli dimensioni (nonché farcita in modo assai sostanzioso).

In questo caso la torta di destra (la parte che sarà poi il pezzo sopra) non ha i lati perfettamente verticali e questo potrebbe essere un problema quando dopo dovrò ricoprirla con la pasta di zucchero… sto pensando ancora a che alternative ho per mettere a posto il problema e me ne vengono solo due: metto una quantità industriale di nutella per apparare il bordo oppure taglio la torta per dargli un profilo verticale perfetto. Non ho ancora deciso😛.

Entrambe le torte non poggiano bene sul piano.

Ho tagliato il sopra delle due torte così quando il pezzo sotto viene rovesciato poggia bene e rimane in piano e quando viene rovesciato il pezzo sopra la superficie da decorare è bella piatta.

Ci siamo quasi… ora dobbiamo farcire le due metà: ho usato una prima crema pasticcera da due uova e mezzo litro di latte (a sinistra) per la torta inferiore che ha una cavità più grande e una seconda crema pasticcera da un uovo e un quarto di litro di latte (a destra) perché la seconda torta ha una cavità più piccola.

La parte più delicata è l’ultima: bisogna rovesciare la parte superiore su quella inferiore e comporre la torta finale. Devo dire che se l’impasto è fatto di torta margherita, tiene la forma talmente bene ed è così compatta che questo passaggio è molto facile (per dire con la carrot cake di Sabrina non è stato tanto facile, anche perché la farcitura era più morbida).

La torta è ora pronta… si decora!🙂

Informazioni su proffabbri

Sono la mamma di due bimbi spettacolari e l’insegnante di scuola media di un po’ di pesti deliziose. Mi diletto a pasticciare con le mani quando il tempo ed i miei amori me lo permettono.

»

  1. Mi stai dicendo che hai usato la MIA teglia per un’altra torta??? Bada…

    Rispondi
  2. Ciao.
    Prima di tutto ottimo Blog e tutorial🙂
    Siccome sono indecisa se comprare o meno questa tortiera (è un po’ cara) volevo porti un quesito: se preparo 2 torte con i la tortiera con la punta posso creare poi un rombo, ma se uso 2 volte la parte con le cupolette mi può uscire un quadrifoglio?
    così ho più occasioni per usare la tortiera al di fuori di SanValentino e degli anniversari😉

    GRAZIE,
    Clara

    Rispondi
    • Cara Clara,

      Grazie…e ottima idea! L’unica cosa è che ti verrà un rombo un po’ arrotondato e un quadrifoglio un po’ schiacciato perché le due parti non sono proprio alte uguali (quella con la punta è più grande di quella con le cupolette). Farò una prova quanto prima e metterò le foto! Grazie ancora…

      Rispondi
  3. Scusate,il ripieno deve essere quindi per forza qualcosa da poter mangiare così,perché la torta non si può rimettere poi in forno x far cuocere il ripieno

    Rispondi
    • Il ripieno è come quello delle altre torte farcite: si mette dopo che la torta ha cotto e non si cuoce di nuovo. Vanno bene tutti i ripieni belli compatti (perché la torta va rovesciata)… quelli più “liquidi” si spargono.

      Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...