Feed RSS

Il battesimo del piccolo Gengis Khan

Inserito il

Quando è arrivato il battesimo del piccolo Gengis Khan, la follia aveva progredito di molto e naturalmente io e Sabrina ci siamo messe con MESI di anticipo a pensare a cosa volevamo fare. Lei era all’epoca nella fase pupazzetti di feltro, gnomi e via discorrendo. Un pomeriggio mi ha invitata a casa sua (per fortuna senza le pesti o non avremmo combinato niente) e abbiamo fatto brain storming: ha apparecchiato la tavola con tutti i suoi libri di crafting e ci siamo messe a scegliere cosa volevamo. Ve lo devo dire quanto mi sono divertita io quel pomeriggio?🙂

Una volta scelto il progetto, modificato ad hoc, fatta qualche prova, si è trattato di reperire i materiali e poiché lei è una maga del reperimento materiali a basso costo ci siamo sbattute per settimane a correre nei quattro angoli di Roma per cercare esattamente quello che avevamo in mente e non una virgola di meno. Abbiamo pure mandato in giro il mio amore a destra e a manca con istruzioni precisissime su cosa doveva prendere e dove e quanto doveva pagarlo…eh eh eh

Naturalmente non sempre i negozi dove andavamo avevano la quantità di cui necessitavamo e allora ci sono stati i disguidi dell’aspettare tempi lunghissimi per ottenerli per poi magari non ottenerli affatto e doverseli andare a cercare altrove. C’è un negozio nel quale infatti abbiamo deciso di non mettere più piede. E poi le ricerche su internet e i tempi di consegna e vale la pena con il costo della spedizione… e…. e…

Fatto sta, che alla fine pure se c’eravamo mosse con così tanto anticipo abbiamo dovuto fare un rush finale per avere tutto il necessario per tempo. Questa volta non ci siamo divise i sacchetti ma i compiti, perché questo progetto (al contrario dei sacchetti per il battesimo di piccolo Attila) era modulare: si poteva fare in pezzi che poi venivano assemblati alla fine.

Sabrina si è occupata di dipingere e disegnare tutte le teste, attaccarci i “capelli” con la sua fida pistola per la colla a caldo (al compleanno che è seguito il battesimo gliene ho regalata una con la punta di precisione!), mettere le aureole e stampare i bigliettini su carta pergamena.

Io ho ritagliato nel pannolenci bianco i “petali” del corpo, li ho piegati e cuciti insieme (che detta così pare una banalità ma c’è voluto un tempo infinito a mettere con gli spilli il carta modello e ritagliare 6 petali per ogni corpo!).

Per quanto riguarda il retro, Sabrina ha ritagliato, bucato al centro e incollato le ali (dimenticavo di dire, il mio amore ha fatto da messaggero portando le buste con i corpi avanti e indietro a ogni passaggio della catena di montaggio :-P). Io ho fatto il doppio fiocco (ma me lo aveva insegnato lei come si faceva) con il nastro grande, che per inciso, è il singolo materiale che ci ha dato più problemi ad essere reperito. Ammetto che la colpa è mia però: mi ero innamorata di un altro nastro che aveva Sabrina in casa e non mi sono rassegnata che proprio alla fine al fatto che non si riusciva più a trovare (Sabrina ha persino trascinato altre sue due amiche a cercarlo per stand mentre giravano per l’hobby show!). Dicevo… ho anche rivestito di tulle ogni singolo confetto, cucito il tulle di ogni singolo confetto, poi legato insieme i 5 “petali” con due piccoli nastrini (uno bianco e uno azzurro) e messo il chiodino con la perlina al centro per formare il fiore. Infine, ho attaccato i talloncini al tulle e assemblato il tutto al corpo dell’angelo.

Per i confetti, così come avevamo fatto all’altro battesimo, abbiamo preso la scusa e ci siamo fatti una gita a Sulmona, che non solo è IL posto dei confetti ma è anche molto bella da visitare (quando non fa troppo freddo) e ci si mangia bene assai!🙂

Nonostante sia stato un lavoro lungo e a tratti tedioso assai, specie nel ritaglio del pannolenci, devo dire che mi è costato meno fatica delle bomboniere del piccolo Attila: forse perché la mia manualità sta migliorando?

Informazioni su proffabbri

Sono la mamma di due bimbi spettacolari e l’insegnante di scuola media di un po’ di pesti deliziose. Mi diletto a pasticciare con le mani quando il tempo ed i miei amori me lo permettono.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...