Feed RSS

Mi provo a fare un tutorial… la scarpa “fashion”

Inserito il

…che il cielo mi assista.

Sto preparando una torta decorata per il compleanno di mia cognata. Lei è una giovane donna dai gusti molto femminili: la torta non poteva che essere “fashion” (come dicono le mie alunne). Ho dunque deciso di decorare la torta con una scarpa (e ancora non ho deciso se anche una borsa in tono :-P).

Naturalmente ho cercato un tutorial su internet e ne ho trovati almeno un centinaio! Alla fine ho deciso di usare questo, che si trova su youtube (ed è in inglese):

Il modello per fare la scarpa è qui. Da considerare che io l’ho ridotto all’80% con paint.

Riporto quello che ho fatto seguendo quel tutorial e traducendo i passi in italiano.

Con la scarpa che ho deciso di fare, ho introdotto qualche modifica e applicato un trucco che ho trovato altrove sempre sulla rete ma non mi ricordo dove…

Allora, iniziamo dall’inizio: il primo passo è stato quello di prendere la pasta di zucchero bianca. Ne avevo un po’ già fatta da una torta precedente che era diventata dura come la pietra ma questo è un problema che una diecina di secondi di forno a microonde a potenza massima risolve facilmente. L’unica cosa a cui bisogna fare attenzione è quella di non scottarsi se la si è riscaldata troppo e di impastare con le mani per almeno 10 minuti dopo averla riscaldata (con un po’ si zucchero a velo o amido di mais se è troppo appiccicosa) per eliminare le disomogeneità derivanti dalla parte esterna “crostosa” che fa piccoli grumi nell’impasto quando si amalgama con le mani.

Successivamente la pasta va stesa su un piano “infarinato” con lo zucchero a velo (o l’amido di mais). Io ho usato il piccolo mattarello del kit Wilton che mi ha regalato mio fratello con lo spaziatore viola (che corrisponde a 1/4 di pollice di spessore). Ma non è necessario, basta un mattarello qualsiasi. Solo, attenzione a infarinare un po’ anche quello sennò la pasta di zucchero si attacca subito.

Stesa la pasta si poggia il carta modello della suola e della parte davanti della scarpa e con un coltello affilato e puntito si ritagliano i due pezzi necessari. Con le dita si arrotondano i bordi, “ingentilendo” il taglio del coltello.

La suola (come si vede) va poggiata sulla struttura di appoggio (che è solo una strisciolina di cartoncino ripiegata come da modello) per dargli la forma che avrà nella scarpa finita e anche per vedere di che altezza deve essere fatto il tacco.

Il secondo passaggio è proprio quello: fare il tacco. Si prende una pallina di pasta da zucchero e la si modella a forma di cono, con una pendenza molto leggera. Quindi con il coltello si tagliano le due estremità formando un tronco di cono. Rispetto al tutorial (che è per gum paste, sostanza che ha una maggiore compattezza rispetto alla pasta di zucchero) dove il cono viene arrotondato con le mani, ho usato lo spianatore (smoother) come avevo fatto anche per i tubolari di decorazione della torta scarpina di piccolo Gengis Khan.

Dopo aver fatto il tacco, con un po’ d’acqua o con la colla (una parte acqua, due parti zucchero a velo, come già visto) e un pennellino, bisogna attaccarlo al fondo della suola e poggiare di nuovo il tutto sul cartoncino.

Si stende di nuovo la pasta di zucchero e si assottiglia un po’ di più di prima: io ho usato lo spaziatore rosa che corrisponde a 1/8 di pollice, ma di nuovo non è necessario perché basta usare un mattarello normale e si ritaglia l’imbottitura della suola. Si incolla ancora usando acqua o colla sulla suola:

A questo punto, con il pezzo davanti già ritagliato si usa dello scottex o altra carta per fare il sostegno e si incolla, con cura e lentamente la parte frontale della scarpa alla suola. Purtroppo la foto di questo passaggio non è venuta… temo andassi un po’ di corsa perché temevo che Attila e Gengis Khan si svegliassero e non mi permettessero di finire il lavoro e la fretta su queste cose consiglia sempre malissimo!

Una volta fatto questo, la struttura della scarpa è finita. Bisogna solo mettersi a decorare adesso! Una strisciolina sottile di pasta di zucchero per fascettare la parte alta della scarpa è tutto quello che serve ma non mi piaceva colorata come nel tutorial e ho deciso di usare sempre il bianco ma di dargli un riflesso perlato. Ho, tra le mie scorte, una polvere lucida color perla che faceva al caso mio. Non ricordo dove, avevo letto che si poteva usare come “pittura” per la pasta di zucchero (per far apparire metallica quella grigia) semplicemente sciogliendola nella vodka o nel succo di limone. Io ho usato il succo di limone, a casa non c’è vodka, ma essendo la prima volta che ci provavo ho naturalmente sbagliato. Ho spruzzato fin troppo limone e messo troppa poca polvere.
Quindi ho riprovato, versando un po’ di polvere su un piatto e bagnando solo il pennello nel succo di limone. Quando metti il pennello nella polvere ottieni la tua “pittura” color perla!

Fatta la fascetta basta incollarla e il gioco è fatto. Purtroppo le due foto che ho fatto alla scarpa con la fascetta sono una sfocata, l’altra sparata… ehm…l’ho già detto vero che la fretta non è amica di questo genere di cose?

Manca ancora qualcosa… ci vuole almeno un tocco di colore. Appena accennato, senza esagerare. E allora bisognava decidere quale: ho ravanato tra i miei amati coloranti in gel ed è venuto fuori il colore glicine. E qui può tornare utile ricordare che anche se ti promettono il “glicine” quando poi lo usi non è detto che quello che viene fuori sia proprio tale. Per quanto riguarda il colorare la pasta di zucchero, basta prendere una pallina e pigiare con il dito al centro. Nella piccola cavità che viene fuori si mette un po’ di colorante gel e poi si impasta (senza paura anche se ci si impiastricciano tutte le mani, tanto basta acqua e sapone e tutto se ne va).

Fatta la pasta di zucchero la si stende di nuovo sottile e poi è tempo di usare un altro degli strumenti della Wilton ma questa volta non fa parte del kit. E questa volta purtroppo non saprei nemmeno cosa consigliare per sostituirlo. Io per la prima volta l’ho usato al corso base che ho fatto a settembre: serve a fare piccoli fiorellini.

(anche questa foto è un po’ sfocata temo)

Al centro del fiorellino ho incollato una perlina di zucchero argentata di quelle che si trovano facilmente nella corsia dei dolci di qualsiasi supermeracato ed avevo così la mia decorazione per la scarpetta.

Anche sul fiorellino un tocco di “pittura argentata” e poi mancava una sola cosa: la scarpa doveva essere firmata per una persona di classe! Ho preso il mio fido pennarello nero per scrivere sui dolci e ho prodotto il logo di Coco Chanel (lo ammetto, l’ho scelto perché era facile!!🙂 ) ed ecco la scarpa finita:

Informazioni su proffabbri

Sono la mamma di due bimbi spettacolari e l’insegnante di scuola media di un po’ di pesti deliziose. Mi diletto a pasticciare con le mani quando il tempo ed i miei amori me lo permettono.

Una risposta »

  1. Non so neanche cosa scrivere, ma le mie mani si muovono da sole… è tutto esattamente come lo vorrei fare io e tu sei MERAVIGLIOSAMENTE bravissima!!!

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...